11.3 C
Brescia
domenica 25 Ottobre 2020
Home Storia dell'arte Edgar Degas: la complessità dell'impressione di un istante

Edgar Degas: la complessità dell’impressione di un istante

Nasce nel 1834 da una ricca famiglia nella quale trascorre una vita agitata. Il padre di origine napoletana, è un uomo di raffinata cultura e sotto la sua guida, Degas, inizia a frequentare il Museo del Louvre, dove ammira i grandi del Rinascimento italiano e inizia a coltivare il suo grande interesse per la fotografia.
La prima formazione pittorica avviene in ambito accademico, ma la Scuola di Belle Arti non fa per lui e dopo sei mesi intraprende lunghi e regolari soggiorni in Italia.

Nonostante l’impegno impressionista, rimase sempre un convinto sostenitore del disegno e della pittura in atelier.
Secondo Degas, infatti, anche l’impressione di un istante è così complessa e ricca di significati, che l’immediatezza della pittura en plein air non può che coglierla in modo riduttivo e superficiale.

Degas dedica tempo e passione ai disegni e agli schizzi preparatori persistendo sempre nel definirsi “realista” piuttosto che “impressionista”.

Nel 1861 conosce l’artista Manet, dal quale viene introdotto nel gruppo dal Cafè Guerbois. Alla metà degli anni Sessanta la sua pittura si caratterizza non tanto per la volontà di rappresentare le cose e le persone così come appaiono, ma piuttosto come si conoscono per averli visti tante volte e in diversi contesti, al fine di “stregare la realtà”, come era solito ripetere, “nella consapevolezza che l’artista può riuscire a dare il senso del vero solo agendo in modo del tutto innaturale”.

Dal 1874, dopo la morte del padre, inizia per l’artista una lunga fase di ristrettezze e sacrifici. Gli ultimi anni della vita di Degas sono tristissimi. Ormai quasi cieco, viene sfrattato dal suo atelier-museo e solo grazie all’interessamento di qualche amico può trovare un nuovo alloggio. Dei vecchi amici di un tempo c’è solo Monet. A questo punto la grande stagione dell’impressionismo può considerarsi definitivamente conclusa.

La lezione di danza

La lezione di danza è il primo di una nutrita e fortunata serie di dipinti dedicata alle ballerine.
Realizzato a cavallo della prima esposizione impressionista nello studio di Nadar, contiene in sè già tutti i temi della maturità di Degas, così come li riproporrà anche nei suoi luminosissimi pastelli: dalle ballerine alle luci della ribalta a quelle che si stanno preparando dietro le quinte, a quelle in riposo.
In questa tela rappresenta il momento in cui una giovane ballerina sta provando un passo di danza sotto l’occhio vigile del maestro, mentre le altre ragazze in semicerchio osservano attendendo il proprio turno.

Edgar Degas La lezione di danza – Olio su tela, 1873-1876

Il taglio che Degas impone al dipinto è di tipo fotografico e, come in una fotografia istantanea, alcune figure risultano uscire parzialmente dall’inquadratura.
Ciò suggerirebbe una pittura di getto ma, gli anni spesi per la realizzazione del dipinto, testimoniano che è frutto di un meditato lavoro di atelier.
Degas ricostruisce l’atmosfera della sala con attenzione nei particolari, inserendo le fanciulle in una luce morbida, la quale ingentilisce ulteriormente le movenze.

Per qualsiasi dubbio, chiarimento oppure se l’articolo ti è piaciuto non esitare a commentare qui sotto.

Ti invito a seguire le mie pagine social (sempre che tu non l’abbia già fatto). Édouard Manet: pittore di sensazioni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

Che cosa è il Visual Design?

Nell'epoca storica in cui stiamo vivendo, caratterizzata dal web e dal digitale, si sente spesso parlare di design e, nello specifico, di...

“Cinque minuti sospesi” a cura di Emanuela Caso

"Cinque minuti sospesi, è la rappresentazione figurativa di una lunga ricerca legata all’identità dell’uomo. Il tragitto che risale al primitivismo e temi...

Il Manifesto: dalle origini fino ai giorni nostri

La nascita del manifesto pubblicitario, generato come pannello asportabile destinato alla promozione di un prodotto, di una marca o di un evento, risale alla...

La Grafica negli anni delle Guerre

Nei primi anni del Novecento, i pubblicitari sono fortemente influenzati dagli studi condotti dagli psicologi sulla psiche umana. Ne sono un esempio i manifesti realizzati...