20.4 C
Brescia
giovedì 1 Ottobre 2020
Home Basi della fotografia Come registrare i dialoghi?

Come registrare i dialoghi?

In una ripresa video è di fondamentale importanza la registrazione dei dialoghi. Come fare per registrarli al meglio? Leggi questo articolo per saperne di più.

Esistono diverse modalità per migliorare la qualità delle registrazioni, anche se non è così semplice. I dialoghi vengono utilizzati in quasi tutte le forme di produzione video, pubblicità, video aziendali, video sportivi, ecc dove le voci appaiono fuori campo oppure da attori e/o presentatori.

Se all’interno della registrazione il rumore di fondo è troppo alto, però, è molto difficile seguire e comprendere un dialogo.

Come ridurre il rumore in una registrazione?

Per ridurre al minimo il rumore di fondo tieni il più vicino possibile il microfono alla bocca e il più lontano possibile da eventuali rumori di disturbo.
Per le produzioni non cinematografiche utilizza un microfono a mano oppure un radiotrasmettitore con un microfono lavalier.

Ricorda di proteggere il microfono con una protezione anti vento di pelo e mettendo, quindi, la persona rivolta di spalle verso il vento.

[aawp box=”B0056HEK6W”][/aawp]

Girando un film oppure una ripresa all’aperto i rumori di fondo che disturbano, come ad esempio il traffico, potrebbero creare dei problemi nella post-produzione, nel momento in cui sarà necessario montare parti di dialogo discontinue.

Il suono potrebbe cambiare ad ogni stacco e controcampo. Il lavoro dei fonici, quindi, è quello di garantire una registrazione audio pulita.

Se il rumore di fondo è continuo è possibile ridurlo in post-produzione, ma dovrai registrare una traccia separata con il rumore senza i dialoghi, al fine di facilitare il lavoro.

Il consiglio è quello di scegliere una location adeguata, per non lavorare poi in post-produzione alla rimozione del rumore di fondo.

Un filtro antipop davanti al microfono a condensatore da studio può ridurre eventuali distorsioni di pronuncia delle consonanti come la “p”, la “s” oppure la “b” nelle registrazioni.

[aawp box=”B004DE1K5S”][/aawp]

La voce fuori campo

La tipologia di registrazione più semplice da fare, da un punto di vista tecnico, è la voce fuori campo. In genere, la voce fuori campo, viene registrata a parte rispetto alle riprese, perché può essere ripetuta fino a quando non è perfetta.

Il microfono da utilizzare è un omnidirezionale di buona qualità, montato su una sospensione elastica con filtro antipop. Il tutto infine avvolto con un ritaglio di spugna fonoassorbente.

La spugna fonoassorbente davanti al microfono serve ad assorbire eventuali riflessi sonori indesiderati provenienti dalle pareti circostanti.

ADR (Automated Dialogue Recording)

Se i rumori di fondo sono eccessivi oppure un dialogo è stato registrato male, si può utilizzare l’ADR, con cui i suoni di presa diretta vengono sostituiti, utilizzando una cabina insonorizzata.

La differenza tra ADR e voce fuori campo è che gli attori con l’Automated Dialogue Recording devono doppiare sé stessi, seguendo su uno schermo le riprese e ascoltando i rumori di disturbo.

Successivamente viene fatto un lavoro in post-produzione per uniformare e sincronizzare al meglio i dialoghi rifatti ai suoni della location.

Alcuni suggerimenti utili per registrare dialoghi

Usate uno sdoppiatore per collegare le cuffie del microfonista e del fonico, consentendo ad entrare le figure professionali di seguire i dialoghi.

Se registri una conferenza oppure un evento aziendale che utilizza un sistema di amplificazione è opportuno fare anche una registrazione direttamente dal mixer dell’impianto.

[aawp box=”B00EO4A7L0″][/aawp]

[aawp box=”B004DWWKRM”][/aawp]

Per qualsiasi dubbio, chiarimento oppure se l’articolo ti è piaciuto non esitare a commentare qui sotto.

Ti invito a seguire le mie pagine social (sempre che tu non l’abbia già fatto). ?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

“Cinque minuti sospesi” a cura di Emanuela Caso

"Cinque minuti sospesi, è la rappresentazione figurativa di una lunga ricerca legata all’identità dell’uomo. Il tragitto che risale al primitivismo e temi...

Il Manifesto: dalle origini fino ai giorni nostri

La nascita del manifesto pubblicitario, generato come pannello asportabile destinato alla promozione di un prodotto, di una marca o di un evento, risale alla...

La Grafica negli anni delle Guerre

Nei primi anni del Novecento, i pubblicitari sono fortemente influenzati dagli studi condotti dagli psicologi sulla psiche umana. Ne sono un esempio i manifesti realizzati...

Saul Bass: tra Design e Cinema

Biografia Nato a NY nel quartiere del Bronx, nel 1920, Saul Bass era figlio di un pellicciaio ebreo emigrato. Iniziò come autodidatta ad entrare in confidenza...