L’ambiente viennese è per molti aspetti la vera e propria culla della cultura e del gusto Art Nouveau.
Due sono gli avvenimenti in particolare che rinnovarono e condizionarono la vita culturale viennese in ambito artistico: la creazione della Kunstgewerbeschule (scuola d’arte e misteri) e il sorgere della Secession.

L’Accademia, istituzione che storicamente nella cultura europea forma gli artisti, garantisce la qualità delle opere e orienta il gusto, entra profondamente in crisi alla fine del XIX secolo.
Si sente forte la necessità di esprimere valori nuovi, di trovare nuovi spazi, di superare i confini imposti dai dettami classici.
L’associazione dei pittori e degli scultori della Secessione austriaca risale al 1897, quando un gruppo di giovani artisti con a capo Gustav Klimt si distacca radicalmente dall’ambiente intellettuale ancora vicino al gusto accademico.

Mezzo importante per il neonato movimento è la rivista “Ver Sacrum”.
Già dalla copertina, di inusuale formato quadrato, saranno presenti molte opere di Klimt e di vari altri secessionisti. Proprio nel numero del 1898, viene pubblicata parte del programma ufficiale del gruppo, una sorta di pubblicazione generale di intenti per la modalità di intendere le arti e il loro significato di promozione culturale e sociale.

L’esperienza delle arti applicate a Vienna: Secession
Moser Koloman mese di luglio per il calendario di “Ver Sacrum” 1901

L’Art Nouveau costituisce per le secessioni un evento molto importante: stesso desiderio di cambiamento, stessa voglia di ricerca di un linguaggio formale alternativo. Nasceranno così in seguito le Avanguardie Artistiche del ‘900.

Kunstgewerbeschule

La Kunstgewerbeschule è una struttura pubblica per l’istruzione artistica istituita allo scopo di rispondere all’esigenza di reperire nuove figure professionali, provvisti di una maggiore competenza progettuale e creativa nell’ambito delle arti applicate.

I corsi nascono con l’obiettivo di unire ai consueti strumenti per la formazione artistica anche nuove conoscenze tecniche relative all’uso dei materiali, alle loro caratteristiche e al loro impiego industriale.

Per qualsiasi dubbio, chiarimento oppure se l’articolo ti è piaciuto non esitare a commentare qui sotto.

Ti invito a seguire le mie pagine social (sempre che tu non l’abbia già fatto). L’esperienza delle arti applicate a Vienna: Secession