10.8 C
Brescia
martedì 29 Settembre 2020
Home Storia dell'arte L'invenzione dei fratelli Lumière: la nascita del cinema

L’invenzione dei fratelli Lumière: la nascita del cinema

Una delle più grandi innovazioni risalenti alla Belle Époque è quella legata al cinema.
Il 28 dicembre del 1895 nel Gran Café al Boulevard des Capucins i fratelli August e Louis Lumière presentano al pubblico la loro invenzione.

Strumento piccolo e facilmente trasportabile, il cinematografo è una tipologia di fotografia in movimento che poteva eseguire riprese e proiezioni.
La prima proiezione racconta le buffe imprese di un giardiniere maldestro, il pubblico ride, si diverte, applaude.

Ancora non è chiara la portata rivoluzionaria di questo mezzo di espressione e comunicazione.
Dall’attività amatoriale a quella industriale però il passo è breve, i fratelli Lumière insieme a Charles Pathé fondano una società che letteralmente si lancia “alla conquista del mondo” e che domina il mercato fino agli anni venti, producendo e distribuendo film, fabbricando cineprese e fondando il primo cinegiornale della storia.

Con la capacità di creare immagini in movimento, il cinema apre una nuova frontiera della narrazione e infrange l’ultima barriera dell’arte figurativa.
Inizia quindi un dibattito sull’essenza della creazione artistica, sull’imitazione, sulla riproducibilità, sulla preminenza della tecnica sull’invenzione.
Un dibattito forse mai concluso ma ampiamente superato dall’adozione universale di questo nuovo linguaggio.

Nel 1792 nasce il Panorama: sala di forma circolare al cui interno venivano proiettate, sulle pareti, immagini di posti lontani, dando la possibilità a tutti gli spettatori di fare un’esperienza di viaggio.
Nel 1884, invece, nasce il Cyclorama: luogo in cui la proiezione delle immagini era di tipo circolare e su tutta la stanza.

Caratteristiche principali delle proiezioni dei fratelli Lumière:

  • inquadratura unica
  • profondità di campo
  • soggetti molteplici in ogni inquadratura
  • consapevolezza dell’attore nell’immagine
  • presenza di un narratore

Per qualsiasi dubbio, chiarimento oppure se l’articolo ti è piaciuto non esitare a commentare qui sotto.

Ti invito a seguire le mie pagine social (sempre che tu non l’abbia già fatto). Claude Monet: l'impressione di un attimo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

“Cinque minuti sospesi” a cura di Emanuela Caso

"Cinque minuti sospesi, è la rappresentazione figurativa di una lunga ricerca legata all’identità dell’uomo. Il tragitto che risale al primitivismo e temi...

Il Manifesto: dalle origini fino ai giorni nostri

La nascita del manifesto pubblicitario, generato come pannello asportabile destinato alla promozione di un prodotto, di una marca o di un evento, risale alla...

La Grafica negli anni delle Guerre

Nei primi anni del Novecento, i pubblicitari sono fortemente influenzati dagli studi condotti dagli psicologi sulla psiche umana. Ne sono un esempio i manifesti realizzati...

Saul Bass: tra Design e Cinema

Biografia Nato a NY nel quartiere del Bronx, nel 1920, Saul Bass era figlio di un pellicciaio ebreo emigrato. Iniziò come autodidatta ad entrare in confidenza...