20.6 C
Brescia
venerdì 25 Settembre 2020
Home Storia della fotografia Cindy Sherman: colori saturi e contenuti molto forti

Cindy Sherman: colori saturi e contenuti molto forti

Cindy Sherman nasce a Glen Ridge negli Stati Uniti, nel 1954.

Ella frequenta lo State University Collage a Buffalo, vicino a New York.

La sua ricerca si rivolge al mondo della fotografia, utilizzata con canoni diversi dalla tradizione: le sue immagini sembrano fotogrammi tratti da un film, ma in realtà sono delle autentiche fotografie che rimandano al mondo del cinema o della televisione.

Espone in gallerie e musei statunitensi sin dagli anni Ottanta.

Gli ultimi lavori della fotografa Sherman approfondiscono le tematiche del doppio e della messa in scena, conferendo particolare rilievo al ruolo della donna all’interno della società e dell’immaginario collettivo.

Cindy Sherman Selected Film Still #13, 1978
Cindy Sherman Selected Film Still #13, 1978

Tecnica e contesto

Cindy Sherman è l’unica e la sola protagonista delle sue opere. Ella interpreta, attraverso il travestimento, differenti personaggi tratti dal mondo della fantasia o dal mondo della storia dell’arte.

Vuole esaltare soprattutto il contenuto, facendo accettare gli aspetti più sgradevoli di un’immagine che si fa sempre più violenta. Le opere della fotografa nascono in un contesto artistico particolare, dominato dal ritorno della pittura al centro della scena artistica contemporanea.

Cindy Sherman e con lei gli esponenti della “stage photography” (fotografia di scena), comprende che la crisi della fotografia è solo apparente.

Nascono così fotografie che ripropongono immaginarie scene di film: autentici fermi immagine di una pellicola.

La situazione ritratta è pressoché totalmente inventata, come se ci si trovasse in un set cinematografico.

Le immagini, infine, contengono colori molto saturi.

Cindy Sherman Marilyn, 1999
Cindy Sherman Marilyn, 1999

La partita del travestimento ha sempre avuto una particolare fortuna nella storia della fotografia.

Lo stesso tema dell’autoritratto in costume ha avuto grande successo, in particolare proprio nel corso degli anni Settanta.

Cindy Sherman si situa appieno all’interno di queste tematiche e in ogni sua opera recita una parte, non ritrae mai se stessa, utilizzando molto l’ironia.

La fotografa si avvale di un’illuminazione molto forte, che pone in risalto l’artificiosità della composizione.

Infine, va notato l’aspetto volutamente kitsch, ossia di cattivo gusto, dell’immagine. Questo aiuta l’artista a porre lo spettatore in una condizione di disagio, riscattata dall’ironia che traspare l’intera immagine.

Per sapere ulteriori informazioni su questa grande fotografa contemporanea, puoi consultare questi due libri:

[aawp box=”0870705075″][/aawp]

[aawp box=”0870708120″][/aawp]

Per qualsiasi dubbio, chiarimento oppure se l’articolo ti è piaciuto non esitare a commentare qui sotto.

Ti invito a seguire le mie pagine social (sempre che tu non l’abbia già fatto). ?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Ultimi Articoli

“Cinque minuti sospesi” a cura di Emanuela Caso

"Cinque minuti sospesi, è la rappresentazione figurativa di una lunga ricerca legata all’identità dell’uomo. Il tragitto che risale al primitivismo e temi...

Il Manifesto: dalle origini fino ai giorni nostri

La nascita del manifesto pubblicitario, generato come pannello asportabile destinato alla promozione di un prodotto, di una marca o di un evento, risale alla...

La Grafica negli anni delle Guerre

Nei primi anni del Novecento, i pubblicitari sono fortemente influenzati dagli studi condotti dagli psicologi sulla psiche umana. Ne sono un esempio i manifesti realizzati...

Saul Bass: tra Design e Cinema

Biografia Nato a NY nel quartiere del Bronx, nel 1920, Saul Bass era figlio di un pellicciaio ebreo emigrato. Iniziò come autodidatta ad entrare in confidenza...