Nato a Coney Island (New York) nel 1933, Nat Finkelstein è cresciuto nella classe lavoratrice di Brooklyn.
Finkelstein impara l’arte della fotografia da Alexey Brodovitch, direttore artistico di “Harper’s bazaar“.

Per tutti gli anni ’60 è stato un fotogiornalista di successo mainstream, pubblicato in punti vendita nazionali e internazionali, raccontava principalmente di movimenti politici e culturali emergenti a New York City.
Egli lavora come photoreporter per l’agenzia Black Star, occupandosi soprattutto delle tendenze della cultura alternativa di New York.

Factory Years

Nat Finkelstein: fotografo e scrittore underground
Nat Finkelstein Warhol Factory, 1964/67

“Sono un fotografo situazionale, sono immagini fatte quando Andy Warhol e gli altri erano persone, non prodotti, giovani artisti, non celebrità, gioiscono, ma non venerano”.
Nat Finkelstein

Nel 1964, Nat Finkelstein entrò nella Warhol Factory come giornalista e ci rimase per tre anni.
Incontra così Andy Warhol, dove fotografa l’artista e i suoi collaboratori.
Le sue fotografie della leggendaria scena della Silver Factory sono ora riconosciute tra le immagini più iconiche dell’epoca.
Grazie alla sua cortese presenza riesce a scattare foto di grande densità ed intimità, dandoci di questo famoso studio d’artista, un’immagine colta dall’interno.

Nat Finkelstein: fotografo e scrittore underground
Nat Finkelstein Silver Toilet, 1965

L’attività politica di Nat Finkelstein

Durante questo periodo, Finkelstein era anche in linea con il fiorente movimento per i diritti civili.
Il suo coinvolgimento in attività politiche radicali, così come nella cultura della droga della malavita, portò a un mandato federale per il suo arresto nel 1969.
Di conseguenza, egli, lasciò gli Stati Uniti e visse come fuggiasco per il prossimo decennio.
Ha viaggiato lungo la via della seta attraverso l’Asia e il Medio Oriente, sostenendosi come contrabbandiere di hashish.
Dopo aver appreso che le accuse federali contro di lui erano state respinte, Finkelstein tornò a New York nel 1982.

Wanderlust era una parte fondamentale della vita e dell’identità di Nat Finkelstein. Ha viaggiato per il mondo – come giornalista, contrabbandiere e artista. La sua motivazione era semplice: nelle sue parole, “vedere cosa potevo vedere, fare ciò che potevo fare”.

La cultura underground

Ripresa la fotografia, Finkelstein esplora la nuova tecnologia multimediale come arte raffinata, lavorando su fotografia, video, installazione e stampa digitale.
La sua opera sarebbe stata esposta e pubblicata in tutto il mondo.
Nei suoi archivi sono presenti innumerevoli immagini e un straordinario libro di memorie, “The Fourteen Ounce Pound“, che non avrebbe rilasciato durante la sua vita.
Ancora una volta si occupa della cultura underground, mettendo a punto uno stile che potrebbe essere un revival dei principi della Pop Art: utilizza infatti i nuovi mezzi continuando fotografia a colori e video, rielaborando le immagini al computer.

Nat Finkelstein: fotografo e scrittore underground
Nat Finkelstein Amsterdam Hotel, 2003

Molti dei suoi originali sono oggi stampe laser. Nelle sue principali opere, le immagini della cultura alternativa diventano importantissime immagini ferme o in movimento.

Nat Finkelstein è morto nell’ottobre 2009 nella sua casa di Upstate NY. Nel corso della sua vita e della sua carriera, è rimasto costante alla sua visione: arte e musica emergenti, espansione della coscienza e libertà di espressione.
Il suo lavoro resiste alla sua testimonianza della causa della rivoluzione culturale.

Se l’articolo ti è piaciuto, ti invito a seguire le mie pagine social ed a cliccare sul +1 (sempre che tu non l’abbia già fatto). Nat Finkelstein: fotografo e scrittore underground

Se hai domande oppure elementi da aggiungere non dimenticare di lasciare un commento!

Nat Finkelstein: fotografo e scrittore underground
223 Recensioni